Building Bridges

Though, as Zygmunt Bauman writes, “there are on the web already 50 millions blogs (listed in 2006) and other 175.000 are created every day”[1], here there is one more: just for the need to translate, in the broadest sense possible, what happens in this part of Europe, to build bridges between this local reality and other regions of this continent, that I feel as my country.

After more than 10 years in Helsinki, I experienced that many kind of translations are needed to make different cultures communicate and mutually enrich each other: languages, gestures, attitudes, sensitivities, point of views, we need to put in action countless kinds of translations to undertake this fascinating and risky journey which is to face the other one.

And, if something is needed, it is openness.The autumnlookspromisingin this respect: the Open Knowledge Festival will take place in Helsinki from 17th to 22nd of September. A week of conferences, workshops, meetings, peer-to-peer learning, people from all over the world gathering at the Aalto University and hereabouts. With the enthusiasm to put technology and innovation at the service of the society. Re-create a sense of community, so often lost in our hectic lives, connect local and global communities, enhance collaboration (“do it with others”), in a word give oneself a chance to make this world more inhabitable and human than what we know.

Without forgetting that “technology would not advance ´democracy and human rights´ for (and instead of) you”. Persons need to be there, individuals who let themselves be personally involved in the process of change.

Gettare ponti

Sebbene, come scrive Zygmunt Bauman, siano stati contati sul web nel solo 2006 “50 milioni di blog”, e ne spuntino mediamente “175.000 al giorno”, eccomi qua: quello che mi spinge a scrivere è il desiderio di tradurre, nel più largo senso possibile, quello che vedo accadere in questa parte del Nord Europa, di creare ponti tra questa realtà locale e altre regioni di questo continente, che sento come il mio vero paese.

Dopo più di 10 anni a Helsinki, mi rendo conto che sono necessari molti tipi di traduzione per rendere realmente possibili e fertili la comunicazione e l´interscambio tra culture diverse: lingue, gesti, atteggiamenti, sensibilità, punti di vista, sono molti gli aspetti della vita che necessitano di una traduzione, per poter intraprendere quel viaggio affascinante e rischioso che è l´incontro con l´altro.

E la prima cosa di cui c´è bisogno è essere aperti, in molti sensi. Quest´autunno promette bene: dal 17 al 22 settembre si terrà all´ Università Aalto e dintorni l´ Open Knowledge Festival. Una settimana di conferenze, workshops, incontri, apprendimento peer-to-peer, con invitati da tutto il mondo. Esperti e/o semplici entusiasti, con la passione di mettere la tecnologia e l´innovazione al servizio della società. Per ricreare quel senso di comunità così spesso perduto nella fretta quotidiana, mettere in contatto comunità globali e locali, rivalutare la collaborazione (do it with others), in una parola darsi una chance di rendere questo mondo più abitabile e umano di come lo conosciamo.

Senza dimenticare che “la tecnologia non promuoverà ´la democrazia e i diritti umani´ al nostro posto”. Per questo servono le persone in carne e ossa, individui che si lascino coinvolgere nel cambiamento in prima persona.



[1] Z.Bauman, L´etica in un mondo di consumatori (Does Ethics Have a Chance in a World of Consumers?), p. 102, Laterza, Bari, 2011, Harvard University Press, Cambridge-London, 2008.

Advertisements
1 comment
  1. Hi, this is a comment.
    To delete a comment, just log in, and view the posts’ comments, there you will have the option to edit or delete them.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: